POTREBBE ESSERE UN DISTURBO ALIMENTARE? Segnali a cui prestare attenzione – GIORGIA BELLINI
Home DCA POTREBBE ESSERE UN DISTURBO ALIMENTARE? Segnali a cui prestare attenzione

POTREBBE ESSERE UN DISTURBO ALIMENTARE? Segnali a cui prestare attenzione

by GIORGIA BELLINI

Nonostante i disturbi alimentari sono sempre più comuni, molto spesso non è semplice cogliere i primi segnali per un genitore. Ecco alcuni dei motivi principali per cui possono essere così difficili da individuare:

  • I disturbi alimentari nascono in segreto e molti dei sintomi – restringimento, abbuffate, vomito e esercizio eccessivo – possono verificarsi in privato senza che nessuno se ne accorga all’inizio.
  • I genitori che colgono segnali preoccupanti potrebbero non ottenere una risposta onesta se pongono al proprio figlio una domanda diretta sul cibo
  • È improbabile che un adolescente o un adolescente che normalmente condivide le preoccupazioni con i propri genitori chieda aiuto per un disturbo alimentare.

Un altro fattore di confusione è che la nostra cultura elogia molti dei comportamenti comuni ai disturbi alimentari, come limitare le porzioni, scegliere opzioni a basso contenuto calorico, evitare bevande caloriche, concentrarsi sul consumo di proteine con forte riduzione di carboidrati, eliminare determinati tipi di alimenti e fare tanta attività fisica. Quindi quello che inizialmente sembra un comportamento “sano” potrebbe in realtà essere l’inizio di un disturbo alimentare.

Quindi è importante conoscere i fatti:

  • Nonostante ciò che i media tendono a comunicare, i disturbi alimentari non hanno un “aspetto”. Chiunque può sviluppare un disturbo alimentare, indipendentemente da sesso, razza, corporatura, età o stato socioeconomico.
  • Mentre molte persone con disturbi alimentari sono preoccupate per il loro peso o le dimensioni corporee, non tutte le persone con disturbi alimentari hanno problemi di immagine corporea.
  • I disturbi alimentari non sono scelte o stili di vita. Sono malattie complesse radicate in fattori di rischio biologico, psicologico e sociale.
  • Le persone possono sviluppare disturbi alimentari senza alcuna storia di malattie mentali, abusi o altri traumi.

Se sei preoccupato per i cambiamenti nell’umore o nei comportamenti di tuo figlio, controlla i possibili segnali di allarme di un disturbo alimentare. Guardare il quadro generale, non solo il loro mangiare, può aiutarti a decidere se è il momento di ottenere una valutazione da un professionista della salute. 

Può essere spaventoso riconoscere che qualcuno che ami potrebbe essere alle prese con un disturbo alimentare. Ha senso sentirsi ansiosi riguardo a questi argomenti, ma ottenere una valutazione professionale ti alleggerirà la mente o ti aiuterà a ottenere il supporto di cui la tua famiglia ha bisogno. Accedere al trattamento il prima possibile aiuterà a dare a tuo figlio le migliori possibilità di una guarigione rapida. Puoi essere un vero e proprio salvavita che fa il primo passo per portarli sulla strada della guarigione.

0 Commenti

You may also like